top of page

Walter Grattarola
Dottore Commercialista in Torino e Revisore Legale
Specializzato in Terzo Settore e Cooperative

CONSULENZA FISCALE
  • Dichiarazione annuale dei redditi per persone fisiche, Società ed Enti non commerciali

  • Adempimenti IVA

  • Dichiarazioni sostituti d'imposta

  • Fiscalità immobiliare (Imu, contratti di locazione)

  • Consulenza sulla normativa tributaria, nonché tenuta della contabilità aziendale

CONSULENZA SOCIETARIA
  • Costituzione ed adempimenti tributari connessi

  • Consulenza sulla gestione di Società di Persone, di Capitali e Cooperative, ed adempimenti connessi 

  • Consulenza contrattualistica con eventuale certificazionie dei contratti presso gli enti preposti

  • Lo studio opera anche in ambito dell'amministrazione del personale, con tutti gli adempimenti normativi connessi

PHOTO-2023-04-20-12-23-26.jpg
Richiedi una consulenza

Grazie! A breve ti invieremo un preventivo.

News & Publications
Rimani aggiornato

Imminente la scadenza per il deposito dei bilanci del terzo settore

L'art 48 del Codice del Terzo Settore stabilisce che il termine per il deposito di bilanci e rendiconti degli Enti iscritti al RUNTS è inderogabilmente il 30/6. Siamo pertanto vicini alla scadenza in oggetto, Si ricorda che ciò vale anche per i soggetti che non hanno esercizio solare. 

In caso di mancato o incompleto deposito degli atti e dei loro aggiornamenti nonche' di quelli relativi alle informazioni obbligatorie di cui al medesimo art 48 nel rispetto dei termini in esso previsti, l'ufficio del registro diffida l'ente del Terzo settore ad adempiere all'obbligo suddetto, assegnando un termine non superiore a centottanta giorni, decorsi inutilmente i quali l'ente e' cancellato dal Registro. Dell'adempimento in discorso sono onerati gli amministratori. In un successivo intervento verranno approfondite le responsabilità di questi ultimi in caso di irregolarità od omissioni

Si ricorda che, ai sensi del DM 39/20, gli enti del Terzo settore con ricavi, rendite, proventi o entrate comunque denominate non inferiori a 220.000,00 euro devono redigere un bilancio di esercizio formato da stato patrimoniale, rendiconto gestionale e relazione di missione; gli enti con ricavi, rendite, proventi o entrate comunque denominate inferiori a 220.000,00 euro possono predisporre un bilancio in forma di rendiconto per cassa. 

Iscriviti alla mailing list

grazie per l'invio

Rottamazione quater: cosa fare in caso di concomitanza fra definizione agevolata e procedure esecutive già attive


Entro il 30 settembre l’Agente della Riscossione comunica l’ammontare complessivo delle somme dovute ai fini della definizione agevolata ai contribuenti che hanno presentato dichiarazione di adesione (entro il 30 giugno di quest’anno). Ricordiamo che tale definizione riguardava i carichi affidati all’Agenzia delle Entrate-Riscossione fra il primo gennaio 2000 ed il 30 giugno 2022. In caso di accoglimento, l’Agenzia riporta, nella comunicazione delle somme dovute, sia il debito da pagare per la definizione agevolata, e sia il debito eventualmente escluso dalla stessa. Il pagamento dovrà essere eseguito in un’unica soluzione od in base al numero di rate concesse (con un massimo di 18).Si ricorda infine che in caso di insufficiente, mancato o tardivo versamento (cioè oltre i 5 giorni successivi alla data di scadenza) dell’unica rata o di una di quelle concesse l’agevolazione decade e l’AdER riprenderà la sua attività di recupero del credito. 

Ma alla luce di ciò, potrebbe anche esserci il caso in cui sia stata presentata richiesta di agevolazione “Rottamazione quater” per debiti tributari per i quali siano già state attivate delle procedure esecutive (es. sui conti bancari o di pignoramento presso terzi) da parte dell’Agente. Come comportarsi in questi casi? Per risolvere il problema occorre rifarsi all’art 1 comma 240 della legge di Bilancio 2023 (legge 197/22) il quale esplicitamente afferma che “non  possono  essere  proseguite   le   procedure   esecutive precedentemente avviate, salvo che non si sia tenuto il primo incanto con esito positivo”. Inoltre, si ritiene applicabile alla Rottamazione “quater” anche quanto precedentemente chiarito dall’AdE in relazione alla definizione agevolata “Rottamazione ter”: infatti nell’interpello n. 128/2020 si afferma che “ il pagamento della prima o unica rata delle somme dovute a titolo di definizione determina l'estinzione delle procedure esecutive precedentemente avviate, salvo che non si sia tenuto il primo incanto con esito positivo”. A meno che dunque non sia già stata espletata la procedura per la vendita all’incanto, anche solo il pagamento della prima od unica rata determina lo svincolo delle somme pignorate, che possono così rientrare nella disponibilità del pignorato.

Image by Ankit Pai N

Perché entrare nel Terzo Settore?


Assumere la qualifica di Ente del Terzo Settore non è una cosa obbligatoria: consente però, se si sceglie di farlo, attraverso la registrazione presso il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS), di accedere a diversi benefici, fra cui l’accreditamento presso gli enti pubblici ottenendo dunque la possibilità di lavorare e collaborare con tali strutture (in questo senso, l’accreditamento è ormai obbligatorio per avviare qualunque tipo di collaborazioni con gli enti pubblici). Altri esempi possono essere l’accesso ai finanziamenti UE per il sostegno dell’economia sociale, oppure addirittura la possibilità di raccogliere finanziamenti pubblici o privati (attraverso pubblica sottoscrizione), per arrivare alla fine alla possibilità di accedere al 5 per mille. L’Italia, secondo recenti statistiche (ANSA) è il penultimo Paese nell’UE come spesa dei fondi strutturali UE per la coesione (peggio di noi solo la Spagna), e ciò significa, per quanto possa sembrare strano, che le risorse rese disponibili dall’UE non vengono sfruttate pienamente.

Cooperazione

Perché costituire una cooperativa? Quali sono i vantaggi?

Costituire una cooperativa invece di scegliere la classica tipologia delle società commerciali (Srl, Snc, ecc) rappresenta, in un periodo di difficoltà economiche  come questo, una valida alternativa per chi vuole dedicarsi ad una attività imprenditoriale. La cooperativa gode infatti di vantaggi sia di natura fiscale ma anche in termini di incentivi per favorire la cooperazione. A questo occorre aggiungere la possibilità di costituire una società avente le caratteristiche di una società di capitali, ma senza il vincolo del capitale sociale minimo. La cooperativa, inoltre, crea opportunità di lavoro per i singoli soci, con la possibilità di ricevere dei ristorni, che non sono mero profitto, ma rappresentano una remunerazione del contributo mutualistico apportato dal socio. Contrariamente a quanto si crede, per costituire una cooperativa bastano tre persone, e quindi questo istituto è adatto a realtà che spaziano dalle più piccole micro imprese alle grandi realtà di rilevanza nazionale.

Image by Christina @ wocintechchat.com

Piu’ veloce l’iscrizione al RUNTS per gli enti aderenti alle reti associative

Sono attualmente disponibili le indicazioni per la presentazione dei  modellli standard di  statuto predisposti dalle reti associative iscritte al RUNTS al fine dell’approvazione ministeriale degli statuti degli enti aderenti alle reti stesse: si ricorda che l’utilizzo di statuti conformi ai modelli standard approvati dal ML consente agli aderenti alle reti associative di beneficiare di termini ridotti per l’iscrizione al RUNTS, in quanto l’Ufficio dovrà solo verificare la regolarità formale degli statuti, con evidenti vantaggi dal punto di vista dello sveltimento delle pratiche per l’iscrizione (riduzione da 60 a 30 gg) Essendo facilitata la redazione degli statuti, ciò si tradurrà in minori costi amministrativi da sostenere per l’accesso al RUNTS (fonte: Avviso 34/5549 del 2023 del Ministero del Lavoro)

dichiarazione dei redditi

Se volessi aprire un'attività di e-commerce per vendere servizi all'estero, a privati, come dovrei regolarmi con l'IVA?

 

Recentemente è stata introdotta una notevole semplificazione in merito, attraverso il regime OSS

(One Stop Shop)

Il regime OSS (unitamente all'altrettanto recente IOSS) introduce un sistema europeo di assolvimento dell’IVA, centralizzato e digitale, che ricomprende le seguenti transazioni:

  • vendite a distanza di beni importati da territori terzi o Paesi terzi (ad eccezione dei beni soggetti ad accise) effettuate da fornitori o tramite l'uso di un'interfaccia elettronica

  • vendite a distanza intracomunitarie di beni effettuate da fornitori o tramite l'uso di un'interfaccia elettronica

  • vendite nazionali di beni effettuate tramite l'uso di un'interfaccia elettronica

  • prestazioni di servizi da parte di soggetti passivi non stabiliti nell'UE o da soggetti passivi stabiliti all'interno dell'UE ma non nello Stato membro di consumo a soggetti non passivi (consumatori finali).

E' dunque possibile effettuare vendita di beni e servizi in tutta l'UE senza doversi identificare ai fini IVA in altri Paesi, con notevole risparmio di costi

Giovani felici

Assunzione giovani più conveniente con “NEET”

Con la circolare 68 del 21/7/23 l’INPS ha chiarito le procedure da seguire per assumere i soggetti 

“NEET” (Not (engaged in) Education, Employment or Training”  l’incentivo economico e’ riconosciuto ai datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato tali soggetti nel periodo 1° giugno - 31 dicembre 2023.

L’incentivo, introdotto dal decreto Lavoro (decreto-legge 4 maggio 2023, n. 48), è riconosciuto a domanda, per 12 mesi, nella misura del 60 per cento della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali, per nuove assunzioni di giovani che:

  • alla data dell'assunzione non abbiano compiuto il trentesimo anno di età;

  • non lavorino e non siano inseriti in corsi di studi o di formazione («NEET»);

  • siano registrati al Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani.

La misura spetta per le assunzioni con contratto a tempo indeterminato, anche di somministrazione, e per il contratto di apprendistato professionalizzante.

Il datore di lavoro interessato dovrà inoltrare all’INPS il modulo di domanda online “NEET23”, mediante il quale potrà prenotare le risorse destinate a finanziare l’incentivo. Lo studio è ovviamente a disposizione per fornire supporto nell’intero percorso volto all’ottenimento del bonus.

Image by micheile henderson

E' vero che dal 2024 i pignoramenti sui conti correnti saranno più rapidi?

 

Si, è quanto prevede, in sintesi, la bozza del DDL collegato alla legge di Bilancio (che si ribadisce, è ancora una bozza, quindi suscettibile di cambiamenti). In pratica l'Agente della Riscossione (Agenzia Entrate Riscossioni) potrà accedere in via preliminare e prima di procedere eventualmente al pignoramento delle somme, direttamente all'archivio dei rapporti finanziari ove si trovano i dati dei conti correnti dei contribuenti. Ove vengano rinvenute disponibilità, l'Agente potrà a quel punto inviare altrettanto direttamente il vero e proprio ordine di pagamento alla banca ed al debitore, non oltre trenta giorni dall'effettuazione della notifica all'istituto bancario. Trattandosi di una bozza, il tutto potrà essere ancora suscettibile di cambiamenti, tuttavia lo studio è già in grado di fornire consulenza e strategie di difesa del contribuente rispetto all'eventuale contenzioso.

unnamed.jpg

Wolters Kluwer presenta il Protessional Board di One FISCALE

Il pool formato da professionisti ed esperti del settore che guiderà lo sviluppo di One FISCALE, per offrire risposte concrete alle esigenze di Commercialisti, Consulenti e Manager d'azienda. Wolters Kluwer - leadern ei servizi di informazione, software e formazione per professionisti, aziende e Pubblica Amministrazione - presenta li Professional Board di One FISCALE, think tank formato da Commercialisti, Avvocati, Manager d'azienda che collaborano per cogliere trend in atto, anticipare evoluzioni della professione ed essere sempre più vicini alle esigenze del professionisti fiscali. L'obiettivo del Professional Board ègarantire che OneFISCALE sia sempre in grado dioffrireai propri clienti tutta l'informazione di qualità e le soluzioni efficaci per gestire l'operatività quotidiana e dare risposteconcrete ad esigenze pratiche, proprio perche realizzato insieme ai professionisti stessi.

I Professional Board nasce da un'idea di Wolters Kluwer realizzata in collaborazione con il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili (CNDCEC) e mira a semplificare li lavoro quotidiano dei professionisti. Grazie a questa importante collaborazione, One FISCALE può contare su un punto di vista d'eccezione in relazione alle esigenze della categoria.

"Il Professional Board rappresenta un laboratorio permanente di condivisione e confronto, in cui condividere idee ed orientare innovazione e sviluppi Futuri - spiega Antonella Loporchio, Vice President Product and Marketing di Wolters Kluwer Legal & Regulatory Italia.

Un ulteriore strumento che rende One FISCALE sempre più rispondente e vicino alle necessità informative e pratico operative dei Professionisti."

"Con la partecipazione a questa iniziativa- sottolinea li Presidente del Consiglio nazionale del Commercialisti, Elbano de Nuccio- intendiamo promuovere li ruolo scientifico e formativo del ConsiglioNazionale dei Commercialisti e, contestualmente, contribuire all'evoluzione di nuovi contenuti e servizi rivolti ai nostri colleghi. Sono sicuro che li contributo che arrivera dagli esperti

dai noi indicati per li Professional Board risulterà in tale direzione estremante utile equalificato".

Il Professional Board di One FISCALE si compone dei seguenti membri:

 

COMPONENTI DESIGNATI DAL CNDCEC

- Dott. Pier Marco FALABRINO, Commercialista, Consigliere dell' ODCEC di Alessandria

- Prot. Andrea PODDIGHE, Protessore associato di diritto tributario presso l'Università di Cagliari - RQR partners

- Dott. Roberto VITTORi, Commercialista, Presidente dell' ODCEC di Fermo

 

COMPONENTI DESIGNATI DALLA DIREZIONE EDITORIALE

- Dott. Claudio CARPENTIERI, Responsabile del Dipartimento delle politiche fiscali e societarie

della CNA

- Dott. Roberto FANELLI, Ex dirigente Agenzia Dogane e Monopoli, consulente fiscale e docente di

Diritto tributario d'impresa.

- Dott.ssa Maria Maddalena GNUDI, Commercialista, LLM epartner Studio Gnudi Associazione

 Professionale

 - Dott. Walter GRATTAROLA, Commercialista in Torino

- Prof. Valerio PIACENTINI Commercialista e docente di Diritto Commerciale Università Bocconi

- Dott. Mario RAVACCIA, Commercialista e partner Studio Spada

- Dott. Giulio SALVI, Commercialista Revisore, Partner a contratto presso EY

- Dott. Luca SIGNORINI, Commercialista e Revisore legale

- Avv. Antonio TOMASSINI, Phd, Partner DLA Piper

- Dott. Gerardo URTI, CEO e Founder GU Capital

Indirizzo 

C.so Duca degli Abruzzi 43, Torino

Contatti

+39 011 5819467

  • LinkedIn
bottom of page